Miele di Romagna, . . . i nostri mieli

Miele di MELATA di BOSCO

raccolto sulle colline di Brisighella
Prezzo:
 
Confezione
Acquista con spedizione a domicilio:
Confezione Prezzo in fattoria Prezzo on-line Quantità
vaso da 500 g
5,50 €
6,00 €
vaso da 1000 g
9,00 €
9,50 €
 
Descrizione prodotto

Descrizione:
Miele di colore scuro (nero con riflessi ambrati quando liquido, marrone quando cristallizzato) generalmente molto viscoso; tende a rimanere liquido a lungo e cristallizza in modo irregolare. Ha un profumo di media intensità vegetale, fruttato che ricorda la confettura di fichi e la frutta cotta. Il sapore è molto interessante: non è amaro, ma ha una dolcezza non eccessiva e una punta di salato e acido. L'aroma caramellato ricorda la frutta essiccata e la confettura di fichi.

Proprietà:

Molto apprezzato da chi non ama la dolcezza eccessiva di molti mieli. Ottimo con il pane scuro o ai cereali, con le fette biscottate e con prodotti da forno integrali e maltati. Si sposa bene con i latticini a stagionatura media e lunga (formaggi di vacca, capra o pecora anche lievemente salati).

È fra i mieli più ricchi di sali minerali e per questo viene consigliato alle donne in ogni fase della vita come un modo per assumere ferro e calcio anche dolcificando bevande ed alimenti. Come tutti i mieli scuri è ricco di principi volatili di origine vegetale che lo rendono ottimo per addolcire i piccoli malanni dell'inverno.

Da provare come antipasto con salumi affumicati o assieme a ricotta e a conserve, frutta secca o carammellata o dopo cena con liquori invecchiati o torbati.
Adatto come una mostarda servito assieme ad arrosti e bolliti o salumi o per preparare salse agrodolci.

Zone di Produzione:
logo it   Emilia-Romagna (Italia)

Il miele di melata di bosco si produce alla fine dell'estate in Agosto quando le nostre api raccolgono le gocce di melata dalle parti vive di tutte le piante dei boschi di latifoglie sulle colline di Brisighella (RA) in Romagna e alcuni anni anche sulle montagne dell’Appennino Romagnolo. La melata consiste in secrezioni zuccherine prodotte a partire dalla linfa delle piante attaccate da alcuni insetti che pungono le foglie (in particolare la 'farfallina' Metcalfa pruinosa Say, 1830 che, originaria dell'America si è diffusa in Europa a partire dall'Italia nel 1980).

Consigli per l'uso:
- il miele non ha scadenza, ma è preferibile consumarlo entro due anni per valorizzarne la freschezza e le proprietà;
- conservare ben chiuso in luogo fresco, asciutto e al riparo dalla luce;
- prelevare il miele con un cucchiaio asciutto e pulito;
- il miele è un alimento ideale per i bambini, ma come tutti i prodotti dalla terra, va consumato crudo solo dopo lo svezzamento; 
- colore e consistenza possono variare naturalmente nel tempo.

Curiosità botaniche:
Le piante che sono più portate a produrre melata sono le latifoglie dei boschi e degli incolti in particolare gli alberi giovani e gli arbusti: sambuco, acero, robinia, rovo, nocciolo e quercia.

Scegli e gusta il tuo miele!
Ogni anno portiamo al pascolo i nostri alveari in diverse zone di produzione su tutto il territorio nazionale. Quando le fioriture sono abbondanti e le condizioni meteo permettono un buon raccolto riusciamo a produrre diversi tipi di miele.
Riusciamo a separare mieli differenti grazie al fatto che le fioriture non sono tutte simultanee e che le api bottinatrici visitano in prevalenza i fiori di quel territorio presenti in maggior numero e più ricchi di nettare e polline.
Ogni zona d’Italia e ogni periodo dell’anno porta ad un miele differente, espressione irripetibile delle fioriture presenti in quella stagione su quel territorio grazie alla biodiversità vegetale spontanea e ai campi coltivati dagli agricoltori per ricavare frutti e sementi. Ogni annata ha caratteristiche differenti e piccole variazioni rendono ciascun miele unico e speciale.
Assaggiando le nostre produzioni potrete sempre andare alla ricerca di gusti nuovi e trovare il miele preferito per ogni occasione.

melataETICA

- mangio miele, sostengo le api e aiuto la natura -