Laboratorio del Gusto

laboratori di educazione alimentare e orientamento consumi                                                    --> CATALOGO pdf     

« Davanti al maestro e alla maestra passa sempre il futuro.
Non solo quello della scuola, ma quello di un intero Paese » Mario Lodi

assaggio scuolaLa nostra idea di educazione alimentare è che bambini e bambine di oggi non dovranno diventare solo un giorno consumatori esperti di origine e qualità del miele, ma in quanto giovanissimi cittadini europei di oggi, devono imparare a gustare i mieli sin dalla scuola dell'infanzia. Per questo motivo organizziamo assaggi guidati nelle scuole dove veri esperti di analisi sensoriale propongono mieli differenti ai sensi più piccoli descrivendo con un linguaggio semplificato alcune caratteristiche (chiaro o scuro, liquido o cristallizzato, delicato o intenso), ma soprattutto educando al grande valore della diversità che è ricchezza in tavola e patrimonio dell'umanità.

disegno menuUno dei principali obiettivi formativi è insegnare che il miele si deve usare perché è buono, perché è un regalo unico e preziosissimo delle api e mangiare miele aiuta la natura. Molti giovani genitori usano il miele perché è naturale e fa bene alla salute. Spesso lo considerano solo come una medicina, ma ciò è fondamentalmente sbagliato: il miele è un alimento buono e genuino con cui si può preparare un ricco menù adatto a tutte le culture gastronomiche e spesso anche a chi soffre di allergie o intolleranze. Il miele è un concentrato di profumi e sapori di un territorio e i bambini imparano che è possibile realizzare piatti semplici, sani e appetitosi che possono realizzare per compito  a casa assieme a i loro famigliari (orientamento consumi).

Ora disegniamo alla lavagna tutte le cose con cui possiamo mangiare il miele... la parola ai bambini:

lavagna menu

Con il latte caldo o freddo, con il tè, le tisane e la camomilla. I grandi lo possono usare anche per dolcificare il caffè. Con il succo di limone e l'acqua fredda (o il ghiaccio) e un pizzichino di sale: la limonata delle api per l'estate quando si suda tanto. Con i cereali del mattino come il pastone dei maiali o il becchime delle galline. Su una bella fetta di pane sopra a un filo di olio di oliva o un velo di burro. Sulle fette biscottate, coi grissini, coi biscotti, con le gallette di riso scricchiolino, con i cracker. Con la frutta fresca o secca: mela grattugiata, kiwi o banana sbucciati e tagliati a fettine e sulle mele e le pere al forno. Nei frullati, nei succhi di frutta e di arancia o con lo yogurt. Cucinato nei dolci da tagliare col coltello o mangiare col cucchiaino, nelle torte e nella ciambella e nel gelato di vaniglia. Nell'impasto della piadina oppure sulla piadina. Nel torrone, nel panforte, nel panettone, negli strufoli, nelle seadas e nei dolci delle tradizioni e delle feste di tutto il mondo. Nelle caramelle, nel cioccolato e nei lecca lecca. Con il formaggio stagionato, la ricotta, lo squacquerone e persino un cucchiaino sull'arrosto o con pesce e limone.

● Scuola dell’Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria e Adulti:

La mieleria e la mieloteca:

visita al laboratorio di smielatura e confezionamento accompagnati dal responsabile della qualità (descrizione delle semplici attrezzature per raccogliere il miele conservandone intatti il gusto e la naturalezza) e al punto vendita aziendale (lettura delle informazioni in etichetta, degustazione guidata con udito, vista, olfatto, gusto e tatto dei principali mieli italiani prodotti in azienda per imparare a riconoscere la qualità)

Scegliere il miele migliore da usare in cucina e non solo:

il valore etico ed ecologico degli acquisti fatti direttamente dal produttore (a chilometro zero e al mercato dei contadini), ricette veloci e tradizionali, valori nutrizionali e salutari, uso e conservabilità del miele e dei prodotti dell’alveare, valorizzazione dei mieli millefiori e dei mieli monofloreali; il miele come cosmetico ed in farmacia

Facciamo merenda col miele:

laboratorio di cucina in cui bambini (ed adulti) imparano divertendosi a preparare semplici spuntini golosi, sani e nutrienti usando i mieli e i tanti prodotti agroalimentari di qualità (frutta di stagione, latticini locali e prodotti da forno)


La frutta di stagione è la più buona, la scienza nel piatto:

analisi di nutrienti, aromi, colori e proprietà del cibo; tecniche di preparazione e conservazione; processi di lievitazione e fermentazione; materiali adatti per contenere gli alimenti

Molecole di dolcezza:

il chimico racconta la storia del miele e dello zucchero e mette a confronto i dolcificanti naturali e quelli artificiali

Perché amiamo le patatine e odiamo gli spinaci:

un chimico svela i segreti molecolari che donano sapore, odore e colore ai nostri piatti e i meccanismi con cui gli esseri viventi digeriscono e assorbono gli alimenti


Introduzione all’Analisi Sensoriale dei Mieli Italiani:

degustazioni guidate da un esperto iscritto all’albo nazionale per imparare ad identificare i mieli di qualità mettendo a confronto le caratteristiche organolettiche del prodotto con le informazioni riportate in etichetta

Origine ed uso dei prodotti tipici del territorio:

ricette della tradizione, marchi europei, tracciabilità agro-alimentare e certificazioni di qualità nel paniere dei sapori dell’Emilia-Romagna