il Valore del Tempo e gli Stili di Vita Rurale

   «Siediti e rilassati e lascia che il mondo si affanni un momento senza di te». 

   È possibile una vita senza televisione? È possibile viaggiare senza un telefono cellulare? Possiamo non interessarci alle futilità che accadono nel mondo? Possiamo smettere di giudicare e fare giudicare le apparenze?

Sì, è possibile tornare liberi, è possibile tornare umani e guadagnare ogni giorno ore e ore di vita per fare cose più belle e importanti, per ritrovare il contatto reale con gli altri, con la natura e con noi stessi.

« Siediti al sole, abdica e sii il re di te stesso » Fernando Pessoa


occhio furbo

 

Suppongo che il tempo verrà 
Aiutalo a venire
Quando l'Uccello farà ressa sull'Albero
E l'Ape ronzerà -
Suppongo che il tempo verrà
Ritardalo un po'
Quando il Grano vestirà di Seta
E la Mela di Chintz
Credo che il Giorno ci sarà
In cui la Ghiandaia ridacchierà
Alla sua nuova bianca Casa in Terra
Quello, pure, fermalo un po' -

Emily Dickinson, Poesie (1876)

 


Il piacere della vita è provare l'armonia con se stessi, con gli altri e con l'ambiente.

In fattoria viviamo cercando di applicare gli insegnamenti che riceviamo e di offrirli agli altri. L'apicoltura ci ha fatto avvicinare all'agricoltura. Abbiamo imparato il piacere di condividere queste esperienze e siamo diventati fattoria didattica. Abbiamo trasformato la nostra identità famigliare e territoriale in un prodotto da comunicare.

Oggi l'educazione alimentare e l'educazione ambientale sono strettamente connesse e fanno parte del più ampio panorama dell'educazione al benessere e alla felicità, dell'educazione agli stili di vita sostenibili. Sostenibilità economica, sostenibilità ecologica e sostenibilità etica da perseguire con una visione unitaria dell'essere parte della natura e dell'umanità.

Questo è il nostro modo di fare agricoltura sociale, una delle molte nuove strade che si possono percorrere lavorando la terra se si vuole garantire un futuro migliore a tutti gli abitanti della Terra.

 

Chi è maestro nell'arte di vivere distingue poco fra il suo lavoro e il suo tempo libero,
fra la sua mente e il suo corpo, la sua educazione e la sua ricreazione, il suo amore e la sua religione.
Con difficoltà sa cos'è cosa.
Persegue semplicemente la sua visione dell'eccellenza in qualunque cosa egli faccia,
lasciando agli altri decidere se stia lavorando o giocando.
Lui, pensa sempre di fare entrambe le cose insieme.

[massima zen]